CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

lunedì 27 febbraio 2017

Salute. A Roma la Tac "rivoluzionaria" che fotografa il corpo in un secondo

ARRIVA A ROMA LA TAC "RIVOLUZIONARIA" CHE FOTOGRAFA TUTTO IL CORPO IN UN SINGOLO SECONDO*

Il dispositivo di ultima generazione consente di cogliere immagini intere di un organo nel tempo di una sola rotazione da 0,28 secondi, e ridurre le radiazioni erogate dell'82%.

Realizzato da GE Healthcare, il nuovo modello di tomografo computerizzato è stato installato presso la Casa di Cura Quisisana: si tratta della prima apparecchiatura di questo genere nel Centro-Sud Italia.


ROMA, 27 Febbraio 2017 Una Tac al cuore nel tempo di un solo battito, un esame total body in un secondo. 

È possibile alla Casa di cura Quisisana di Roma, dove è appena stato installato l'innovativo tomografo computerizzato realizzato da GE Healthcare, divisione medicale di General Electric. 

A un'elevata qualità delle immagini il "rivoluzionario" sistema Tac abbina rapidità di scansione e una notevole riduzione della dose di radiazioni erogate ai pazienti nel corso dell'esame.

Tra i principali punti di forza della nuova tecnologia c'è l'ampia copertura anatomica (16 cm), che insieme alla rapidità di scansione della macchina consente ai medici di cogliere immagini intere e in altissima definizione di organi come cervello, cuore, fegato o pancreas nel tempo di una singola rotazione da 0,28 secondi, con risultati clinici di qualità equiparabile a quella di visualizzazioni al microscopio.

Nella pratica, il dispositivo permette ad esempio di effettuare un esame total body in un secondo o una Tac al cuore nel tempo di un battito cardiaco, aiutando i medici a formulare diagnosi corrette anche nei casi dei pazienti clinicamente più complessi, come coloro che soffrono di forte aritmia cardiaca.

La velocità del sistema fa inoltre sì che il personale clinico possa raccogliere informazioni relative alla funzionalità degli organi e non soltanto alla loro anatomia

Una possibilità in grado di garantire ad esempio una completa valutazione del cervello in caso di ictus attraverso lo studio della perfusione cerebrale.

Il nuovo tomografo è inoltre equipaggiato con Asir-V, tecnologia sviluppata da GE capace di ridurre la dose di radiazioni erogate durante gli esami fino all'82%, preservando un'identica qualità dell'immagine. 

Nel corso di un anno, una persona riceve mediamente 5 millisievert (msv) di radiazioni da fonti esterne. 

Nel caso di un esame effettuato con una TAC tradizionale, la dose si attesta in media a 15 msv: per questo diventa fondamentale riuscire a ridurre la quantità di radiazioni erogate, soprattutto nel caso di pazienti pediatrici. 

La nuova TAC installata presso la Casa Di Cura Quisisana può ridurre la dose erogata fino all'82%.

"Quelle introdotte dal nuovo tomografo computerizzato in dotazione della Casa di cura Quisisana di Roma non sono semplici migliorie, ma innovazioni tecnologiche fondamentali che cambiano il concetto stesso dell'esame Tac", ha commentato il professor Giovanni Simonetti, Professore Emerito dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata e responsabile della Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica della casa di cura Quisisana. "Per medici e pazienti si tratta di una vera rivoluzione".
 
La velocità di scansione del tomografo rende inoltre più raro il ricorso a medicinali in grado di rallentare il battito cardiaco dei pazienti sottoposti all'esame. 

Non si tratta dell'unica caratteristica del sistema in grado di rendere l'esame meno invasivo: il nuovo modello di Tac permette infatti di utilizzare una minor quantità di liquido di contrasto, laddove questo sia necessario.

Le innovazioni tecnologiche introdotte dal dispositivo non si fermano qui: il nuovo modello presenta anche un hardware di ricostruzione dedicato (Recon Server) che permette l'esecuzione di studi di Spectral Imaging con cui viene ampliata la capacità di caratterizzazione dei diversi tessuti esaminati dal sistema, rendendo più semplice la diagnosi di patologie difficilmente riconoscibili con studi condotti tramite tomografi convenzionali.



--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *